lunedì, Novembre 18

Il Comune di Caserta guarda all’Uzbekistan

Google+ Whatsapp Pinterest LinkedIn Tumblr +

Nella mattinata del 20 ottobre, nella Sala Giunta del Comune di Caserta, si è svolta una importante  cerimonia dove il Consigliere dell’Ambasciata dell’Uzbekistan, Rustam Kayumov ha consegnato personalmente un “riconoscimento” al gruppo casertano dei NANTISCIA in presenza del Console onorario della Repubblica dell’Uzbekistan Vittorio Giorgi. Infatti, i Nantiscia hanno ricevuto due speciali riconoscimenti, per la loro partecipazione al Festival Internazionale della musica etnica, svoltosi in Uzbekistan, rispettivamente dal Sindaco di Samarcanda e dal Governatore della Regione di Samarcanda. L’occasione è stata anche un momento per approfondire la realtà uzbeka e per programmare una futura e più intensa collaborazione economica, politica e culturale tra la provincia, il Comune di Caserta e la Repubblica dell’Uzbekistan. La provincia di Caserta è profondamente legata all’Uzbekistan, grazie al lavoro del Console Onorario casertano. Il Console Onorario dell’Uzbekistan è riuscito a creare un circuito enogastronomico e culturale che collega la città vanvitelliana con la Repubblica centroasiatica. Tra i tanti incroci ricordiamo l’evento internazionale “Settimana della Cucina Italiana a Tashkent” che ha visto tra le protagoniste la delegazione dell’Istituto Statale Alberghiero “Galileo Ferraris” di Caserta, guidata dalla professoressa Daniela Giaquinto, docente di lingue straniere. I lavori presso il Comune di Caserta sono stati anche occasione per ribadire i probabili futuri legami tra la Città di Caserta e l’Uzbekistan, non solo dal punto di vista culturale, ma anche economico, diplomatico e turistico. L’Uzbekistan è uno stato dell’Asia centrale con circa il 50 per cento della popolazione che vive in comunità rurali densamente popolate. Il Paese vanta una produzione agricola di eccellenza, su cui il governo punta per sviluppare una moderna industria di trasformazione alimentare e allo stesso tempo incentiva un ampio e diversificato programma di industrializzazione.

Share.

About Author

Avatar

Rispondi