mercoledì, ottobre 17

L’Uzbekistan protagonista della Borsa del Mediterraneo del Turismo e del Comune di Napoli

Google+ Whatsapp Pinterest LinkedIn Tumblr +

Ottima performance l’apertura dei lavori della Borsa Mediterranea del Turismo svoltasi dal 23 al 25 marzo alla Mostra d’Oltremare. La Borsa Mediterranea del Turismo, importante fiera che ogni anno vede la grande partecipazione degli operatori del settore turistico provenienti da tutta l’Italia. La manifestazione fieristica, leader nel settore B to B, si rivolge all’intera rete agenziale italiana, registrando la presenza di oltre 20.000 visitatori professionali, ed ospita 500 espositori distribuiti su un’area espositiva di 20.000 mq. In occasione dei lavori, l’Ambasciata dell’Uzbekistan in Italia con Rustam Kayumov, Consigliere-Incaricato d’Affari dell’Ambasciata, Khushnud Artikov, Direttore Generale dell’Uzbekistan Airways Italia, Vittorio Giorgi del Consolato Onorario dell’Uzbekistan in Caserta, gli analisti dell’Istituto di Ricerca di Economia e Politica Internazionale e della società “Italian Network”, con l’avvocato Margherita Cattolico, Domenico Letizia e Ciro Torrese hanno descritto e promosso le potenzialità dell’Uzbekistan agli ospiti e operatori presenti. Grazie al lavoro di promozione svolto dall’Istituto di Ricerca di Economia e Politica Internazionale e di Italian Network, il Console Onorario dell’Uzbekistan e il rappresentante dell’Uzbekistan Airways Italia hanno svolto B2B con alcuni operatori turistici, come l’agenzia turistica Go4sea, interessati alla promozione di pacchetti turistici verso l’Uzbekistan e i suoi numerosi siti Unesco. L’Uzbekistan ha presentato le sue quattro città storiche di Samarcanda, Bukhara, Khiva e Shakrisabz, ubicate sull’antica Via della Seta e riconosciute dall’UNESCO Patrimonio Mondiale dell’Umanità, nonché la sua splendida e moderna capitale, Tashkent. Recentemente l’Uzbekistan ha raddoppiato i collegamenti aerei da Roma e Milano per Tashkent, durata 6 ore, e diminuito le tariffe. Forte dei suoi 32 milioni di abitanti, sta rafforzando i rapporti con l’Italia e, soprattutto, con la regione Campania, nel settore della cooperazione della cultura e del turismo. Un lavoro che sosteniamo con convinzione poiché il paese centro asiatico rappresenta una scoperta meritevole di attenzione per tutti gli operatori turistici e alberghieri interessati ad offrire viaggi esotici e dalla bellezza indefinita. Il paese punta molto alla promozione dei flussi turistici, soprattutto dopo le recenti riforme che hanno cancellato l’obbligo di visto per i cittadini di 27 nazioni, tra cui l’Italia, per soggiorni fino a 30 giorni. Il decreto è stato recentemente firmato dal    presidente Shavkat Mirziyoyev. Un segnale di discontinuità rispetto al governo precedente, un gesto significativo per incentivare il turismo in un luogo magnifico, ancora poco frequentato dai viaggiatori occidentali. Lo snellimento delle procedure burocratiche dovrebbe favorire un rapido incremento dei flussi turistici, nell’ambito di un generale piano di sviluppo avviato dalla nuova amministrazione. Il Consolato Onorario uzbeko in Caserta, l’Istituto di Ricerca di Economia e Politica Internazionale (IREPI) e la società Italian Network stanno tentando di avviare una serie di iniziative tese alla promozione del turismo a partire dalla Campania, dalla Puglia e dal Meridione Italiano, promuovendo scambi e conoscenze tra l’Italia e il paese centro asiatico. In sostegno di tale progettualità, la delegazione uzbeka e gli analisti IREPI hanno incontrato Alessandra Sardu, assessore alla Trasparenza ed Efficienza Amministrativa del Comune di Napoli, presso Palazzo San Giacomo, per approfondire le opportunità di scambio e di relazione tra Napoli e l’Uzbekistan. Il consigliere dell’Ambasciata Rustam Kayumov ha ribadito l’importanza del paese per le capacità della comunità imprenditoriale napoletana illustrando le opportunità legate al mondo dell’agricoltura che nel paese rappresenta, insieme al collegato indotto industriale, l’ossatura dell’economia uzbeka, utilizzando più di un terzo della forza lavoro totale. Lo sviluppo del settore primario e l’espansione del numero di compagnie agricole e di fattorie rimane una delle priorità principali del governo uzbeko. Il Governo sta dedicando specifiche attenzioni all’aumento della produttività e della qualità della fibra di cotone, attraverso l’utilizzo di macchinari tessili all’avanguardia, e tale progettualità può essere interessante per le imprese campane. Il governo intende, inoltre, sviluppare anche l’aspetto relativo al Design utilizzando come base le proprie produzioni tessili tradizionali. Ad intervenire, successivamente, il Console Onorario Vittorio Giorgi ribadendo: “Alla Borsa Mediterranea del Turismo di Napoli ha partecipato quest’anno, per la prima volta, l’Uzbekistan conquistando un forte interesse dei tour operator italiani. Le sue potenzialità turistiche esercitano un indubbio fascino ed attrazione su chi vuole vivere una vacanza all’insegna della cultura e dell’emozione”, mentre l’avvocato Cattolico, segretario dell’Irepi, ha avanzato l’ipotesi, su cui lavorare, di poter generare gemellaggi tra il casertano e l’Uzbekistan sulla scia della cultura e della promozione della seta, ricordando l’importanza di San Leucio, una frazione del comune di Caserta la cui fama è legata alla manifattura della seta. Nel mio intervento ho sostenuto l’importanza di creare, attraverso conoscenze ed iniziative, flussi turistici dalla Campania per poter avviare una vertenza che permetta collegamenti aerei diretti anche da Napoli, con il sostegno dell’Uzbekistan Airways. Ha concluso i lavori della tavola rotonda l’Assessore Alessandra Sardu che ha ribadito: “Su delega del sindaco di Napoli Luigi de Magistris ho ricevuto a palazzo San Giacomo la delegazione mista italo uzbeka. Per me è stata occasione di approfondimento e conoscenza di questo meraviglioso paese. Valuteremo e programmeremo iniziative culturali e sociali da svolgere insieme per l’implementazione dei rapporti tra il Comune di Napoli e l’Uzbekistan”. In conclusione, non va dimenticato, l’importanza del paese per i settori imprenditoriali legati al mondo “Oil & Gas”. Il Paese è uno dei principali esportatori di gas naturale, principalmente verso Federazione Russa e Cina, ed ha programmi di investimento per incrementare la produzione di energia elettrica con il gas naturale sostituendo gradualmente gli altri combustibili, a partire dal carbone. Prospettive che possono interessare la comunità imprenditoriale campana.

Articolo di Domenico Letizia, pubblicato per il Quotidiano “Cronache di Napoli” e “Cronache di Caserta“.

Share.

About Author

Leave A Reply