L’Istituto di Ricerca di Economia e Politica Internazionale (IREPI) nasce dalla consapevolezza che la complessità dell’attuale società globalizzata e dei nuovi fenomeni transnazionali rendano più indispensabili che mai analisi e proposte progettuali innovative e competenti, prive di pregiudizi ideologici.
La nostra attenzione è dedicata al monitoraggio dei sistemi politici contemporanei, alla formulazione di idee e di proposte concrete volte a migliorare i diritti umani a livello nazionale e globale, nonché alla presentazione di progetti e raccomandazioni atti a favorire gli scambi commerciali, come premessa per il rafforzamento delle relazioni internazionali. L’Istituto è un Centro di Ricerca che svolge analisi politiche, sociologiche e di economia internazionale, composto da un team di analisti di varie discipline e di giornalisti qualificati, insieme ad attivisti per i diritti umani e civili, esperti di geo economia, agrotecnici, medici e professionisti provenienti dal mondo delle ONG.

Il nostro obiettivo è cercare di fornire una migliore conoscenza e una comprensione articolata dei diversi scenari politici ed economici contemporanei, attraverso la pubblicazione di articoli, dossier e ricerche dettagliate, prestando particolare attenzione al Mediterraneo, al Caucaso, al Medio Oriente e all’Artico. Auspichiamo che il nostro contributo possa rappresentare un “ponte culturale ed economico” per incoraggiare il dialogo e le interazioni tra le varie regioni del mondo, solo in apparenza profondamente lontane le une dalle altre, ma che in realtà risultano profondamente intrecciate dai processi della globalizzazione e della società digitale.

Le attività del Think Tank saranno strutturate in diversi vettori di analisi:

Ricerche, articoli e pubblicazioni geopolitiche specifiche;
Studi su tematiche interdisciplinari;
Formazione, organizzazione e pubblicizzazione di eventi e campagne mediatiche;
Analisi di mercato e Research and Development (R&D)
Promozione delle attività di organizzazioni nazionali ed internazionali.

Il nostro lavoro punta a raggiungere un ampio pubblico: studenti, rappresentanti politici, esponenti del mondo della cultura, funzionari della pubblica amministrazione, organismi nazionali ed internazionali, organizzazioni non governative, imprese, società, associazioni e i membri della “comunità imprenditoriale internazionale”.